Approvato il piano provinciale di programmazione della rete delle istituzioni scolastiche a.s. 2016/2017

Il Consiglio provinciale di Fermo ha approvato nella seduta del 17/11/2015 il piano provinciale di programmazione della rete delle istituzioni scolastiche a.s. 2016/2017, già approvato all’unanimità dalla Conferenza Provinciale delle Autonomie Locali.

Il piano prevede, oltre al mantenimento di tutti gli indirizzi di studio presenti, la riconferma dei 13 Istituti comprensivi, delle 7 Istituzioni scolastiche di secondo grado, dell’Istituto Omnicomprensivo di Amandola e del Convitto Nazionale.

La Provincia di Fermo è riuscita a rafforzare - pur nelle difficoltà date dal particolare momento storico e dalle linee guida prodotte in ritardo per il rinnovo della Giunta regionale - l’offerta formativa  anche attraverso  l’attivazione di 4 percorsi di secondo livello (ex corsi serali per adulti, non presenti nel territorio provinciale).

Le principali novità, oltre all’attivazione dei suddetti percorsi -  sono: il potenziamento dell’Istituto Omnicomprensivo di Amandola sia nei corsi di studio che nella consistenza della popolazione scolastica con l’annessione delle scuole del Comune di Santa Vittoria in Matenano e l’istituzione dell’Istituto Comprensivo interprovinciale “dei Sibillini” (nato dalla fusione dei due Istituti Comprensivi interprovinciali di Force/Santa Vittoria in Matenano e di Comunanza) in cui sono convogliate le scuole dei Comuni di Montelparo, Smerillo e Montefalcone Appennino.

Esprime viva soddisfazione il consigliere provinciale delegato Stefano Pompozzi “ringrazio vivamente tutti i soggetti coinvolti nella fase di concertazione, se è stato possibile ottenere questo risultato nei tempi dettati dalla Regione è anche grazie a loro. Pur con tutte le difficoltà legate al contesto amministrativo siamo riusciti a potenziare la precedente rete. È ferma intenzione di questo Ente avviare – in occasione della prossima programmazione – una necessaria rivisitazione dell’assetto degli Istituti Comprensivi insieme ai Sindaci, dirigenti e parti sociali”.

Pubblicato il 24/11/2015 16:51