Sottoscrizione del protocollo d'intesa per la costituzione di una Audioteca pubblica provinciale a Fermo

Un progetto di grande rilevanza dell'Assessorato alla Cultura giunge a compimento.

Il 2 Marzo 2010 è stato sottoscritto presso la sede della Provincia di Fermo, il Protocollo d’Intesa tra la Provincia, il Comune di Fermo, il Conservatorio "G. B. Pergolesi", la Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo ed il Sig. Rodolfo Dini (noto nel territorio per la sua cultura musicale e per la rilevanza delle sue raccolte), per la costituzione, presso il Conservatorio di Fermo, di un'Audioteca Provinciale; una struttura aperta al pubblico, che costituisce un polo per la fruizione di documentazione musicale, per l’informazione e la guida all’ascolto, allo scopo di porre a disposizione dei giovani e dell’intera collettività un vasto materiale documentario riguardante la musica di ogni epoca e genere e di potenziare altresì le raccolte aventi interesse artistico, storico, didattico per la loro più ampia fruizione.     A tale scopo, Rodolfo Dini ha messo a disposizione dell’Audioteca Pubblica Provinciale la propria attuale rilevante raccolta di supporti sonori (dischi, CD), di immagini (video), di libri, riunita attraverso un’attenta ricerca nel panorama musicale, per costituire un insieme documentario e rappresentativo della musica di ogni epoca e genere e si è reso disponibile a fornire la propria esperienza di carattere culturale e musicale.

Il servizio consisterà pertanto nel fornire e nel realizzare un complesso di attività e di stabili occasioni informative, formative, didattiche, finalizzate ad ampliare l’offerta culturale sul territorio e a supportare tanto le iniziative stabilmente oggetto di programmazione da parte degli Enti firmatari del Protocollo d’Intesa, tanto quelle che, eventualmente, verranno intraprese.

L'Audioteca avrà sede nel Conservatorio, ma promuoverà anche iniziative rivolte alle scuole, ai Comuni ed alle associazioni.

    Verranno dunque promossi ed organizzati anche:

  • stage e corsi di formazione e aggiornamento professionale;
  • rassegne musicali e cicli di conferenze;
  • momenti di informazione ragionata sulle novità nel campo dello spettacolo, dell’attività concertistica, dell’editoria, etc.;
  • collane e altre pubblicazioni di carattere informativo e divulgativo;
  • occasioni di presentazione di  documenti sulla cultura orale del territorio (registrazioni sul campo, film documentari, ecc…);
  • archivi sonori per documentare gli eventi più importanti che si svolgono sul territorio.

Pubblicato il 17/03/2010 00:00